LA FREQUENZA AUREA – 432 Hz

Silvernake Michelle universe

Il suono, per sua natura, ha la capacità di entrare in risonanza con i corpi circostanti.
Quando la vibrazione emessa è in risonanza con la vibrazione di chi riceve, allora si genera Armonia.

Il mio terzo lavoro musicale, l’EP “BURIES THE SECRET OF…”, è stato registrato con un’accordatura del LA a 432 Hz, anzichè a 440 Hz.
Questa accordatura è molto più naturale e basata sulla frequenza di Shumann (8 Hz che è il “battito” naturale del nostro pianeta), frequenza di vibrazione del campo magnetico terrestre. Senza entrare nei dettagli matematici possiamo riassumere che:
“La frequenza del pianeta Terra è di 8 Hz. Le onde Alfa, la frequenza del cervello in uno stato rilassato sono onde a 8Hz. Accordare a 440 Hz, significa che la base non è 8 ma 8’25, il che significa che le onde o vibrazioni che vengono generate non sono in armonia con il pianeta.”

Sin dagli Egizi si usava questa frequenza, soltanto che fu modificata e portata a 440Hz nel periodo nazista.
La frequenza 440 Hz, mette in uno stato di tensione, corpo e mente, quindi li rende più manipolabili. Stimola l’aggressività, ribellione e violenza. Creando una disarmonia nella coscienza esalta un’emotività negativa.

Quando cominci a usare la frequenza a 432 Hz hai molte più difficoltà a cantare in quella attualmente standard a 440 hz. La percepisci quasi dissonante e ti sembra “stonata”. Dal canto mio ci metto pure motivazioni “esoteriche”: il numero 8 ha un forte significato. Capovolto rappresenta l’Uroboro, il serpente che si mangia la coda, Quindi infinito, perfezione, Dio. Credo fermamente che esista qualcosa di magico, divino e guaritore nella musica. Una vibrazione che ci riconnette con il Tutto, con l’Universo e che ci fa sentire parte di Esso. Non sto a elencarvi tutti i benefici e le potenzialità della frequenza 8 Hz (sul web in proposito vi sono articoli molto interessanti e studi dettagliati), ma mi chiedo soltanto:

se tutta la musica del pianeta tornasse ad una frequenza aurea, il mondo potrebbe essere più accogliente e armonioso?

Forse sì.
Invito semplicemente a riflettere su questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *