Teatro Era, Pontedera – dal 22 al 24 maggio – dal 28 al 31 maggio dalle ore 20.30 alle 8 – SOGNARE A TEATRO

da giovedì 28 a domenica 31 maggio, dalle ore 20.30 alle ore 8.00

da venerdì 22 a domenica 24 maggio

SOGNARE A TEATRO, come evadere, in una “notte quotidiana” dalla prigione delle proprie abitudini

10668077_774000059308996_919978668_o immagine di Cristina Gardumi per Sognare a Teatro (1)

Da venerdì 22 a domenica 24 maggio, da giovedì 28 a domenica 31 maggio, dalle ore 20.30 alle 8 il Teatro Era si apre a un’iniziativa straordinaria, SOGNARE A TEATRO, Come evadere, in una “notte quotidiana” dalla prigione delle proprie abitudini, solo per 12 spettatori a notte, a cura di Il Teatro si spoglia del proprio ruolo, perde la propria valenza spettacolare, il suo essere macchina per spettacoli, per diventare un luogo “familiare”, uno spazio di condivisione dove ospitare gli individui nella loro intimità.

Gli spettatori sono ospitati e guidati, con la regola del silenzio, a “vedere”, “ascoltare”, “agire” con se stessi dalla sera alla mattina, attraversando anche le normali ore di sonno.

Elisa Cuppini, Michele Santeramo, Savino Paparella, Silvia Pasello, Luigi Lombardi Vallauri e Augusto Timperanza sono le guide che accompagnano gli spettatori, lungo il viaggio, dietro le quinte del teatro, dallo spettacolo al quotidiano.

È un silenzioso viaggio con se stessi, insieme ad altri pochi compagni.

I dodici partecipanti entrano in teatro come spettatori e nell’arco della notte in silenzio mettono da parte il proprio compito di “pubblico”, indossano il loro pigiama e a poco a poco fanno tesoro degli stimoli sensoriali che gli arrivano.

Si parte come spettatori, per trasformarsi in “individui” pronti a scoprire stimoli, parole, e immagini in un luogo e in un tempo che di solito gli spettacoli non possono offrire.

Ricordandosi della preziosa e tassativa regola del silenzio, sono guidati in un percorso di training,

rilassamento e meditazione per cogliere il piacere di ascoltarsi, rompendo la quotidianità e, in qualche modo, per affrontare le proprie paure.

Il teatro, con questo progetto, coglie l’occasione di percorrere strade inesplorate alla ricerca di nuovi definizioni e nuovi strumenti.

Come afferma Roberto Bacci: “SOGNARE A TEATRO è una definizione letterale che implica per ciascuno l’uscita da una “notte quotidiana” per porsi di fronte alla domanda: perché continuo a vivere, anche di notte, nella prigione delle mie abitudini?”

L’appuntamento per ogni gruppo è al Teatro Era alle ore 20.30 precise: non è prevista la cena.

Ogni partecipante arriva provvisto del necessario, di un asciugamano, di un pigiama comodo con giacca e pantaloni (o una tuta), anche le donne, per favorire i movimenti del corpo.

Durante tutta l’esperienza che termina alle 8.30 del mattino seguente, non è necessario portare il. Durante il corso della serata e al mattino, dove è prevista la colazione, si susseguono incontri e attività specifiche, garantendo comunque 7 ore di sonno.

Chi vorrà commentare in seguito l’esperienza potrà scrivere a Micle Contorno ufficiostampa@pontederateatro.it oppure potrà proporre un incontro successivo individuale o

collettivo con Roberto Bacci.

Visto il numero dei partecipanti, dodici al massimo, si prega di confermare entro il 15 maggio alle ore 12.00, a Gabriella Taddei ai numeri 0587.55720 / 57034 oppure via mail comunicazione@pontederateatro.it.

Sognare a Teatro (massimo 12 partecipanti)

per info e prenotazioni Gabriella Taddei ai numeri 0587.55720 / 57034 oppure via mail comunicazione@pontederateatro.it

Biglietto unico 20 euro – colazione inclusa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.