BRIC Il Nuovo Ordine Mondiale

di Alfredo Cristallo

bric

BRIC è un acronimo normalmente conosciuto per definire i 4 paesi economicamente e

politicamente emergenti dall’inizio del Terzo Millennio cioè Brasile, Russia, India e Cina. In questo

caso però stiamo trattando di un trio di Bari già noti alla scena pugliese per aver militato in gruppi

come Quarta Parete Compagni di Merengue (nome spassosissimo che fa intravvedere l’amore del

trio per la musica esotica). Nel loro primo LP appena uscito il Nuovo Ordine Mondiale (prodotto

dalla PiccolaBottegaPopolare), il trio appassionato di cultura brasiliana, russa e cinese s’interroga

sulla portata della sfida che questi paesi stanno portando agli assetti politico economici mondiali

in un panorama di evidente crisi globale delle società statunitensi ed europee che sembrano

perdere sempre più terreno non solo sul piano dell’economia ma anche della cultura e della

società. La risposta che i tre si danno è che queste società hanno dato tutto quel che potevano

dare e debbono quindi accettare stili e modelli culturali “altri”: in fondo chi ha coniato il termine

globalizzazione dev’essere poi conseguente. La musica dei BRIC è un synth-pop d’intrattenimento

che viene mescolato a stili musicali esotici dai nomi tanto sconosciuti da sembrare improbabili

(mandopop, tecnobrega, lavani, bobannadir), viene suonato accostando strumenti etnici ed

elettronici e viene cantato interpolando ai testi in italiano termini cinesi, indiani, portoghesi e

russi. L’operazione dei BRIC non è in fondo dissimile dalle sperimentazioni del post-punk dei primi

anni Ottanta, quando cominciò ad accogliere le sonorità dub, reggae e ambient, e si muove verso

l’obiettivo sfornare un mix stilistico che suoni volutamente antirock ma rimanga in grado di

solleticare l’ambivalenza dell’immaginario culturale indotto da un sound che per paradosso più

comune non potrebbe essere. Infatti il loro synth pop cita spesso quello di Battiato della svolta

pop magari interpolandolo con reminiscenze degli indimenticabili CCCP (Sovkhoz E Kolkhoz), dei

Kraftwerk (Le Logiche Del Market con testo da propaganda TV e inaspettato assolo chitarristico) o

col synth pop industriale degli Heaven 17 (Radici, Wargames che si avvale di un lussureggiante

tappeto percussionistico di marimba). Più vicine a una sorta di World Music elettronica sono la

samba esotica di Falas De Amor, il synth pop sovrapposto alle spire di un raga indiano di Silicia, la

giga celtica di Il Mio Giardino che si muta a poco a poco in un dub sintetico, il power pop alla

Visage di Dalla Cina Con Furgone che esibisce spavaldamente un testo in cinese. Più meditate e

forse più vicine alla cultura classica europea risultano il lied pianistico a ritmo di scioglilingua di Un

Inno Nazionale e l’acquerello di Sussidiario 1.0 per arpa, archi e piano. Come dicono i BRIC nella

presentazione del loro album “Cosa ci fanno insieme una cantante di bossanova, un pescatore

della Kamchatka, una produttrice cinematografica di Mumbai e un ingegnere elettronico di

Kunming ? Non lo sappiamo ma intendiamo scoprirlo”.

Grande è il disordine sotto il cielo quindi la situazione è eccellente.

One Comment

on “BRIC Il Nuovo Ordine Mondiale
One Comment on “BRIC Il Nuovo Ordine Mondiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *